Quanto durerà l’egemonia del dollaro USA come principale valuta di riserva mondiale? di Giancarlo Elia Valori


Università di Pechino - Plesso Valori

Giancarlo Elia Valori (*) – Università di Pechino – Plesso Valori

Quanto durerà l’egemonia del dollaro USA

  come principale valuta di riserva mondiale?

 Di Giancarlo Elia Valori

L’ex economista della Banca Mondiale, Justin Yifu Lin, suggerisce un radicale cambiamento che possa assicurare la stabilità al sistema finanziario internazionale.

l.php

The former World Bank Senior Vice President and Chief Economist Justin Yifu Lin

La fine della supremazia del dollaro statunitense come valuta di riserva mondiale sembra ormai più vicina.

Dalla fine della seconda guerra mondiale, l’economia americana è stata talmente potente rispetto al resto del mondo che nessuno avrebbe potuto sfidare lo status del biglietto verde come principale banconota commerciale al mondo. Ma ora che il debito pubblico degli Stati Uniti è stato declassato, il dollaro sta mostrando una significativa debolezza e l’economia americana continua a crollare e il resto del mondo sta mettendo in discussione la posizione privilegiata nel mercato internazionale che fino ad allora deteneva.

cid_039301c92226ebfe1a100301a8c0@cust09d7ewvuqb

L’argomento, al centro del dibattitto di economisti ed esperti, potrebbe presto essere preso in seria considerazione dalla leadership politica mondiale.

Nello stesso Ateneo, chi scrive, ha l’onore di presiedere la “Cattedra per gli studi sulla pace, la sicurezza e lo sviluppo internazionale”, nonché di esercitare l’incarico di “professore straordinario” di economia e politica internazionale.

L’economista cinese, durante una conferenza a Bruxelles, ha ricordato che “il predominio del dollaro è la causa principale della crisi finanziaria ed economica globale” e indicato come  possibile soluzione “un avvicendamento con una valuta globale”.

Una sorta di paniere costituito dalle principali valute di riserva: dollaro, euro, yen giapponese e sterlina.

Una tesi sostenuta anche dal premio Nobel per l’economia, Joseph Stiglitz.

Secondo Lin, il “G20 può essere la piattaforma ideale per analizzare tale proposta”,

e anche se la Cina è una formidabile locomotiva, “non può essere presa in considerazione l’internazionalizzazione della sua moneta” (yuan renminbi).

Conferma, invece, che il suo Paese “potrebbe giocare solo un ruolo di supporto”, mentre “gli Stati Unitie l’Europa hanno, al contrario, un funzione determinante”.

Dopo aver esortato la comunità internazionale (in particolare gli Stati Uniti e l’Europa) a mantenere una posizione di guida nei progetti sulle valute di riserva mondiale e infrastrutturali,

l’economista ha consigliato la realizzazione di una sorta di “infrastruttura globale”, idonea a rimuovere i colli di bottiglia nei paesi poveri e in via di sviluppo, nonché a dare un impulso più dinamico ed efficace all’economia globale.

Sono delle iniziative di sistema che, a parere del professor Lin, “offrirebbero anche nuove opportunità alle economie avanzate” e, inoltre, conferirebbero non solo prestigio nella globalità dei traguardi da conseguire, ma assumerebbero anche il significato di “energie trainanti” nell’ottica di un innegabile miglioramento e consolidamento dell’evoluzione civile e di benessere fra tutti i popoli del pianeta terra.

 Giancarlo Elia Valori*

(*)Presidente della merchant bank “La centrale Finanziaria Generale S.p.A.”

Presidente della “Cattedra sugli studi sulla pace, la sicurezza e lo sviluppo internazionale presso la Facoltà di relazioni internazionali della Peking University, nonché “professore straordinario” di economia e politica internazionale nello stesso Ateneo.

Marcello Lopez con Giancarlo Elia Valori - presso Palazzo Giustiniani - Rome, Italy.

Marcello Lopez con Giancarlo Elia Valori – presso Palazzo Giustiniani – Rome, Italy.

***********************************

By Admin Marcello Lopez

By Admin Marcello Lopez

La riflessione di Giancarlo Elia Valori è di estrema attualità e fa risaltare ancora di più, se ce ne fosse bisogno, l’impellenza di una svolta.

Uno dei motivi per cui la creazione di moneta eccessiva dei paesi ricchi non ha acceso un’ inflazione generalizzata è che l’economia globale di oggi è globale.
Quando la Fed “scarica” trilioni di dollari nel sistema bancario degli Stati Uniti,  la liquidità è libera di fluire dove vuole. E negli ultimi anni ha scelto di visitare il Brasile, la Cina, la Thailandia e il resto del mondo in via di sviluppo. Questa onda di marea di ” hot Money” ha fatto  salire i prezzi degli assets e ha portato governi dei mercati emergenti e le imprese a prendere in prestito molto più di quanto avrebbero fatto altrimenti.Come i destinatari dei mutui subprime nel 2006, sono stati sedotti dal denaro facile e ingannati da scommesse che potrebbero funzionare solo se il credito avesse continuato a scorrere per sempre. Poi la Fed, spaventata dalle bolle nascenti in azioni e immobili, cominciò a parlare di ridimensionamento della stampa di biglietti verdi:

il cosiddetto tapering, graduale rientro dell’allentamento quantitativo, ovvero dei massicci acquisti mensili pari a 85 miliardi di dollari su MBS e Treasury.
il rallentamento da parte dell’istituto centrale americano nel ritmo di riacquisto di asset sul mercato, il cossiddetto quantitative easing. Da settembre 2012, infatti, la Fed sta rastrellando con operazioni sul mercato aperto 85 miliardi di dollari di titoli ogni mese. …Leggi tutto: http://www.soldionline.it/esperto-risponde/cos-e-il-tapering?cp=1

Pertanto l’ Hot Money iniziato a rifluire di nuovo negli Stati Uniti e dal mondo in via di sviluppo.

il rallentamento da parte dell’istituto centrale americano nel ritmo di riacquisto di asset sul mercato, il cossiddetto quantitative easing. Da settembre 2012, infatti, la Fed sta rastrellando con operazioni sul mercato aperto 85 miliardi di dollari di titoli ogni mese. …Leggi tutto: http://www.soldionline.it/esperto-risponde/cos-e-il-tapering?cp=1
il rallentamento da parte dell’istituto centrale americano nel ritmo di riacquisto di asset sul mercato, il cossiddetto quantitative easing. Da settembre 2012, infatti, la Fed sta rastrellando con operazioni sul mercato aperto 85 miliardi di dollari di titoli ogni mese. …Leggi tutto: http://www.soldionline.it/esperto-risponde/cos-e-il-tapering?cp=1
rallentamento da parte dell’istituto centrale americano nel ritmo di riacquisto di asset sul mercato, il cossiddetto quantitative easing. Da settembre 2012, infatti, la Fed sta rastrellando con operazioni sul mercato aperto 85 miliardi di dollari di titoli ogni mese. …Leggi tutto: http://www.soldionline.it/esperto-risponde/cos-e-il-tapering?cp=1
rallentamento da parte dell’istituto centrale americano nel ritmo di riacquisto di asset sul mercato, il cossiddetto quantitative easing. Da settembre 2012, infatti, la Fed sta rastrellando con operazioni sul mercato aperto 85 miliardi di dollari di titoli ogni mese. …Leggi tutto: http://www.soldionline.it/esperto-risponde/cos-e-il-tapering?cp=1 Il denaro caldo iniziato a fluire di nuovo negli Stati Uniti e dal mondo in via di sviluppo. E ancora, proprio come i mutui subprime, i mercati emergenti più leveraged e / o mal gestite hanno iniziato a implodere, minacciando di abbattere tutti gli altri. Un campione di titoli recenti:

 Doug Noland,Senior Portfolio Manager of the Federated Prudent Bear Fund and Federated Prudent Global Income Fund , come al solito centra esattamente la questione nel suo più recente Credit Bubble Bulletin.

Ecco alcuni estratti da un suo articolo molto più lungo che dovrebbe essere letto da tutti coloro che vogliono comprendere le cause e le implicazioni della implosione dei mercati emergenti.

_____________________________________________________________

Praticamente l’intero mercato emergente “complesso” è stato avvolto in bolle finanziarie ed economiche destabilizzanti prolungate. In particolare, per cinque anni, fatto senza precedenti per una banca centrale del c.d. mondo“sviluppato” con l’enorme liquidità indotta  ha stimolato boom economici e finanziari completamente fasulli. L’investimento massiccio e flussi di “Hot money” sono illustrati dalla crescita multi-miliardaria delle riserve internazionali delle banche centrali EM  (Emerging Markets).
Ci sono naturalmente stati conseguenti impatti diversi sui sistemi finanziari ed economici EM. Ma credo che in tutti i casi questo tsunami di liquidità e la speculazione hanno avuto conseguenze deleterie, tra cui certamente fomentare le dipendenze sistemiche ai flussi di origine estera.
In tutti i casi apparentemente, “Bubbles” prolungate hanno gonfiato le aspettative della collettività.
Per un po ‘, la volontà della banca centrale di usare le riserve per sostenere singole monete rafforza la fiducia del mercato nella valuta di un paese, nelle obbligazioni e nel sistema finanziario più in generale. Ma ad un certo punto una banca centrale inizia a perdere la battaglia di accelerare l’exit strategy.
E’ una decisione difficile quella di allontanarsi da interventi sul mercato per tutelare riserve sempre più preziose. Immediatamente, il mercato dovrà poi vedersela con una moneta vacillante, con un aumento dei rendimenti, con mercati finanziari instabili ed in generale, con una liquidità rapidamente calante.  Le situazione precipita in fretta.
La questione dei prestiti agli EM sovrani e “Corporate” di debito denominato in dollari (euro e yen)  è diventato rapidamente un “macro” questione fondamentale. Più di cinque anni senza precedenti di liquidità globale in dollari in eccesso ha stimolato un boom storico dei debiti denominati in dollari.
Il mercato ha assunto costante svalutazione del dollaro / EM valuta apprezzamento.  La domanda di mercato è divenuta di fatto sostanzialmente insaziabile di alto rendimento del debito EM, piena di tutte le distorsioni della percezione del rischio, della manipolazione dei prezzi di mercato e del disadattamento totalmente dissociati da ciò che si dovrebbe aspettare da anni di illimitati finanziamenti a basso costo.
Come è avvenuto con subprime degli Stati Uniti, sempre i mutuatari hanno assunto rischi maggiori allettati dalla festa del facile”denaro”.
Così, anche molti mutuatari ad alto rischio – di altrettanto vulnerabili economie e sistemi di credito – hanno accumulato debito denominato in dollari e altre valute estere – per troppo tempo. Ora, le valute sono vacillanti, il “denaro caldo” sta tornando a casa, le condizioni del credito si fanno sempre più stringenti e le condizioni economiche si stanno rapidamente deteriorando.
Si tratta di una confluenza di diversi fattori problematica che troverà decine di mutuatari sottoposti a carichi di debito insostenibili, soprattutto per i prestiti denominati in valute forti che si apprezzano sempre di più.
Questo inasprimento finanziario diventa allora una questione economica pressante, a mafggior ragione sulle valute e sui sistemi finanziari dei mercati emergenti  – il brutale aspetto di un credito globalizzato e di un lungo ciclo speculativo.
In molti casi, questo diventa parte di un colossale “global reflation trade”.
Oggi, molte economie emergenti affrontano l’esatto contrario: il crescere di forze disinflazionistiche per prodotti venduti nei mercati globali.
Il calo dei prezzi, in particolare in tutto il complesso delle materie prime, hanno schiacciato verso il basso le loro valute nazionali.
Questo è diventato un grave rischio sistemico dopo che enormi flussi speculativi sono arrivati ​​in previsione di valute ondeggianti, mercati dei titoli interessanti e opportunità di business allettanti. Il boom delle materie prime è stato quello di alimentare un boom economico generale e sostenuto. Il fine degli EMs era quello di passare da Paesi in via di sviluppo a “sviluppati”.
Ora, le “bolle” stanno scoppiando dappertutto – e i “capitali” intimoriti si stanno dirigendo verso le uscite (forse già chiuse?).
E, come, man mano, “the global pool” della finanza speculativa inverte il suo corso, naturalmente, l’entità del disagio economico e l’alterazione del sistema finanziario comincia a venire chiaramente a fuoco .
E ‘tempo per il mercato di smaltire la sbornia.
Non meno importante è la storica – e continua – boom di capacità produttiva in Cina e in tutta l’Asia. Questo ha creato un eccesso di capacità e una crescente pressione sui prezzi per troppe cose prodotte, una situazione aggravata solo aggressivo svalutazione della moneta del Giappone. Questo dilemma, con paralleli verso le economie delle materie prime, diventa particolarmente problematico a causa dell’enorme accumulo di debito negli ultimi anni. Mentre questo è un problema serio per l’intera regione, è diventato un problema importante pressatura in Cina.
Allo stesso tempo, i dati di questa settimana ha fornito la conferma aggiunto (vedi “La Cina Bubble Watch”) che la Cina appartamento spettacolare Bubble continua a correre fuori controllo. Quando i funzionari cinesi rapidamente sostenuti da misure di restrizione del credito la scorsa estate, i mercati immobiliari già scaldati girato ancora più caldo. Ora i funzionari affrontare una situazione pericolosa: la fragilità acuta nei segmenti del suo finanziamento “ombra” del debito pubblico aziendale e locale festers in concomitanza con il corso eccesso “fase terminale” in tutto finanza immobiliare. Sistemi finanziari ed economici della Cina sono cresciute dipende massiccia espansione del credito in atto, mentre la qualità di nuovo credito è sospetto al meglio. E ‘quel fatidico “fase terminale” crescita esponenziale del rischio sistemico giocare in proporzioni storiche. I mercati globali hanno iniziato a prendere nota.
Ci sono criticità di mercato con risposte chiare. Per uno, quanto speculative “denaro caldo” ha e continua ad affluire in Cina per svolgere i loro rendimenti elevati in una valuta che è (almeno) dovrebbe restare ancorato al dollaro statunitense? Se c’è un “denaro caldo” problema significativo, qualsiasi inversione dei flussi speculativi sarebbe sicuramente accelerare questo dispiegamento crisi di credito. E, naturalmente, qualsiasi inasprimento significativo di credito cinese potrebbe riverberarsi in tutto il mondo, soprattutto per le economie emergenti già vulnerabili e dei sistemi finanziari.
Non meno importante è la storica – e continua – boom di capacità produttiva in Cina e in tutta l’Asia. Questo ha creato un eccesso di capacità e una crescente pressione sui prezzi per troppe cose prodotte, una situazione aggravata solo aggressivo svalutazione della moneta del Giappone. Questo dilemma, con paralleli verso le economie delle materie prime, diventa particolarmente problematico a causa dell’enorme accumulo di debito negli ultimi anni. Mentre questo è un problema serio per l’intera regione, è diventato un problema importante pressatura in Cina.
 
Doug Noland

Doug Noland

Doug Noland è  Senior Portfolio Manager of the Federated Prudent Bear Fund and Federated Prudent Global Income Fund dal dicembre 2008. Prima di entrare in Federates,  Noland è stato in David Tice & Assoc., Inc., dove ha lavorato come Assistant Portfolio Manager and strategist of Prudent Bear Funds, Inc. Prudent Bear Fund and Prudent Global Income Fund dal gennaio 1999.

Dal 1990 al 1998,  Noland ha lavorato come trader, gestore di portafoglio e analista di short/bias hedge fund inclusi GW Ringoen & Associates dal gennaio 1990 al settembre 1996, Fleckenstein Capital dal settembre 1996 al marzo 1997 e East Shore Partners, Inc. da ottobre 1997 a dicembre 1998.
Ha conseguito un B.S. in Contabilità e Finanza presso la University of Oregon e un MBA presso l’Indiana University.

 ___________________________________________________________________

Il punto cruciale è che questa crisi non è il caso di uno o due paesi piccoli in avvitamento.

E ‘ovunque, dall’America Latina all’Asia all’Europa dell’Est.

I problemi di ciascun paese sono unici, ma praticamente tutti possono essere ricondotte agli effetti destabilizzanti di denaro facile creati dai paesi ricchi che cercano di esportare i loro problemi di debito al resto del mondo.

Zero interest-rate policy (ZIRP), QE e tutto il resto sono riusciti per un po’ a creare l’illusione di ripresa negli Stati Uniti, Europa e Giappone, ma ora il tempo è giunto del ritorno di fiamma di queste politiche fallaci.

Il pasticcio che è stato fatto nei paesi subprime avrà, come conseguenza l’ aumento delle insolvenze sui prestiti facili e mutui interest-only come nel 2007, iniziando a muoversi dalla periferia al centro.

Come osserva Noland:

Ancora un altro problema di mercato crisi è diventato più pressante questa settimana. Lo yen giapponese ha guadagnato il 2,0% contro il dollaro. I Guadagni dello Yen sono stati ancora più degni di nota rispetto alle altre valute. Lo yen è salito del 4,2% contro il real brasiliano, del 3,9% rispetto al peso cileno, 3,5% contro il peso messicano, del 3,9% contro il rand sudafricano, il 3,8% contro il won sudcoreano, 3,0% contro il dollaro canadese e il 3,0% rispetto il dollaro australiano.

Si può ipotizzare che il cosiddetto “yen carry trade” (prestito / corto in yen per poi  utilizzare i proventi per la leva in strumenti ad alto rendimento) potrebbe essere il più grande commercio speculativo della storia.

Le dinamiche degli scambi di mercato di questa settimana certamente non dissuadono del contrario.

Quando lo yen sale, le dinamiche di mercato negative si assommano piuttosto rapidamente.

Dal mio punto di vista, tutti i principali commerci speculativi sono sotto pressione quando lo yen rafforza, dagli EM, alla “periferia” Europea, alle azioni degli Stati Uniti e alle obbligazioni Corporate.

Vale la pena notare che i tassi  nella “periferia” europea hanno invertito i corsi la scorsa settimana. Lo spread a 10 anni tra i rendimenti dei titoli sovrani tedeschi ed entrambi Spagna e Italia si è ampliato di 19 basis point (BPS) lascorsa settimana.

Anche tra la Francia alla Germania lo spread si è ampliato di 6 bps la scorsa settimana, salendo in quasi 9 mesi di 72 bps.

La Spagna e l’Italia, hanno perso rispettivamente  il 5,7% e  il 3,1% , spazzando via il forte guadagno accumulato nel mese di gennaio.

Anche i titoli azionari statunitensi ceduto alle pressioni globali. In particolare, i titoli ciclici e finanziari sono stati colpiti duramente. Entrambi sono stati beniamini di Wall Street sulla premessa rialzista di un solido rafforzamento USA (e globale)  e di una diminuzione del credito e del rischio finanziario. Eppure, entrambi i gruppi la scorsa settimana sembravano riconoscere la realtà che ciò che si sta svolgendo realmente in Cina e negli EM  – non certo una crescita pro-global.

Con il recente sentiment rialzista estremo, i titoli azionari statunitensi sembrano particolarmente vulnerabili a un  mercato globale dinamico tendente al pessimismo o comunque attendista.

Per riassumere:

Le Banche del mondo sviluppato hanno prestato centinaia di miliardi di dollari alle imprese dei mercati emergenti e ai loro governi. Se questi debiti vanno male, le banche già deteriorate subiranno massicce perdite, forse fatali.

Nel frattempo, migliaia di miliardi di dollari di derivati ​​sono stati sottoscritti da banche e da hedge funds sul debito dei mercati emergenti e sulle loro valute, con il denaro delle banche centrali  che serve come contropartita su entrambi i fronti di tali contratti.

Essi compensano con esposizioni lunghe e corte per nascondere il vero rischio, ma lasciano solo una grossa controparte al sicuro e la truffa esploderà, come accadde nel 2008, quando l’implosione di AIG portò quasi alla bancarotta Goldman Sachs e JP Morgan Chase.

Ultimo ma non meno importante, gli individui ei fondi pensione nel mondo sviluppato hanno investito centinaia di miliardi di dollari nel mercato azionari e obbligazionari fondi emergenti, che  ora rischiano enormi perdite per l’anno successivo. Il bilancio globale, insomma, è in procinto di diventare molto più fragile.

Così, proprio come più o meno tutti nella sound money community hanno predetto, il tapering finirà prima piuttosto che dopo, quando la FED presa dal panico annuncerà una sorta di grande e migliore shock-and-awe debt monetization plan.

La Banca centrale europea, che in realtà si è ridotto il suo bilancio nel 2013, invertirà la rotta e iniziarà a monetizzare il debito su vasta scala.

Per quanto riguarda il Giappone, difficile pensare come possa farla franca, dato che il loro debito pubblico è, in percentuale del PIL, già due volte quella degli Stati Uniti.

La vera questione non è se più se la monetizzazione del debito è in arrivo, ma se arriverà abbastanza presto per preservare gli assets dalle bolle dei prezzi  che è giusto in questo momento stanno per essere perforate dall’ emergente implosione mercato.

Se non si agirà in questo senso, sarà davvero un terribile 2008 tutto da capo.

* “Stampare denaro” in questo caso si riferisce alla creazione di moneta in tutte le sue forme, elettronici e fisici.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s