Sundown in America – ITA Version


228305_tn

Lo Stato in bancarotta : La corruzione del capitalismo in America

Il Dow Jones e Standard & Poor 500 indici raggiunto livelli record il Giovedi, dopo aver completamente cancellato le perdite da ultimo picco del mercato azionario, nel 2007. Ma invece di tifo, dobbiamo avere molto paura.
Nel corso degli ultimi 13 anni, il mercato azionario è caduto due volte e ha innescato una recessione: famiglie americane hanno perso $ 5 trilioni nel dot-com 2000 busto e più di $ 7 trilioni nel 2007 crollo immobiliare. Prima o poi – nel giro di pochi anni, prevedo – questa ultima parete bolla Street, gonfiata da una marea di denaro falso clamoroso della Federal Reserve, piuttosto che reali vantaggi economici, esploderà, anche.

Dal momento che la S.&P.500 prima raggiunto il suo livello attuale, nel marzo 2000, le stampanti Mad Money presso la Federal Reserve hanno ampliato il loro bilancio di sei volte (a 3,2 trilioni, dai $ 500 miliardi). Eppure, in quel tratto, produzione economica è cresciuta in media del 1,7 per cento l’anno (il più lento dopo la guerra civile), gli investimenti delle imprese reale ha strisciato in avanti a solo lo 0,8 per cento l’anno, e il numero di posti di lavoro sui salari si è insinuata in su ad un trascurabile 0,1 per cento annuo. Reale crescita del reddito medio familiare è calato dell’8 per cento, e il numero medio di posti di lavoro a tempo pieno di classe, 6 per cento. Il patrimonio netto reale del “fondo” il 90 per cento è sceso di un quarto. Il numero di buoni alimentari e beneficiari degli aiuti disabilità è più che raddoppiato, a 59 milioni di euro, circa un americano su cinque.

Così l’economia Main Street sta fallendo mentre Washington sta accumulando un debito impennata sui nostri discendenti, incapace di tenere a freno uno stato di guerra o lo stato sociale o aumentare le tasse necessarie per pagare le bollette della nazione. Per impostazione predefinita, la Fed ha fatto ricorso a un radicale, baldoria inesplorata di stampa di banconote. Ma il flusso di liquidità, invece di stimolare le banche a prestare e alle aziende di spendere, è rimasto intrappolato nei canyon di Wall Street, dove si gonfia ancora un’altra bolla insostenibile.

Quando scoppia, non ci sarà nuova serie di salvataggi come quelli delle banche ricevuti nel 2008. Invece, l’America scenderà in un’era di austerità a somma zero e virulento conflitto politico, spegnendo anche resti deboli attuali di crescita economica.
Questa dispeptica prospettiva risulta dal fatto che siamo ormai in stato di bancarotta. Con solo brevi interruzioni, abbiamo avuto otto decenni di sempre più frenetico attivismo della politica fiscale e monetaria mira a contrastare i dossi ciclici e macina del libero mercato e la sua tendenza preteso di underproduce posti di lavoro e produzione economica. Il bilancio è stato pesante.

Mentre il governo federale e la sua banca centrale spalla, la Fed, hanno per tentare un obiettivo dopo l’altro – appianare il ciclo economico, riducendo al minimo l’inflazione e la disoccupazione, allo stesso tempo, stendere una coperta gigante delle assicurazioni sociali, la promozione di proprietà della casa, sovvenzionando medico cura, puntellare le vecchie industrie (agricoltura, automobili) e la promozione di nuovi (energia “pulita”, biotecnologie) e, soprattutto, salvataggio di Wall Street – hanno ora ceduto al sovraccarico, allo sbilanciarsi e all’entrata nell’orbita di interessi potenti. Lo Stato moderno keynesiano è rotto, paralizzata e impantanata in incantesimi rituali vuoti su stimolante “domanda”, anche in quanto favorisce un capitalismo mutante clientelare che elargisce periodicamente l’1 per cento con inattese speculativi.

I colpevoli sono bipartisan, anche se non direi che dal blaterare che passa per il discorso politico in questi giorni. Lo stato-relitto origine nel 1933, quando Franklin D. Roosevelt ha optato per fiat money (moneta non fondamentalmente sostenuta da oro), il nazionalismo economico e cartelli capitalistici nell’agricoltura e nell’industria.

In base alle esigenze della Seconda Guerra Mondiale (che ha fatto molto di più per porre fine alla depressione che ha fatto il New Deal), lo stato ha enormemente gonfio, ma notevolmente, la pesantezza è stata messa in breve remissione nel corso di un periodo metà del secolo d’oro della moneta reale e rettitudine fiscale con Dwight D. Eisenhower alla Casa Bianca e William McChesney Martin Jr. alla Fed.

Poi venne Lyndon B. Johnson “pistole e burro” eccessi, che sono stati intensificati più di un fine settimana a Camp David perfida, Maryland, nel 1971, quando Richard M. Nixon essenzialmente di inadempienza di obbligazioni di debito della nazione da parte ponendo fine alla convertibilità oro il dollaro. Che un atto – senza dubbio un peccato più grave del Watergate – significava la fine della nazionale di disciplina finanziaria e l’inizio di un quattro decenni baldoria, durante il quale abbiamo vissuto come dei re, l’esecuzione di un cumulativo 8.000 miliardi dollari disavanzo delle partite correnti. In effetti, l’America ha subito un buyout interno leveraged, alzando il nostro rapporto tra il debito totale (pubblico e privato) per la produzione economica di circa il 3,6 dal suo livello storico di circa 1,6. Di qui i $ 30 trilioni di debito in eccesso (più della metà del debito totale, 56.000 miliardi dollari) che sovrasta l’economia americana oggi.

Questa esplosione del debito era il figliastro del flottante aggeggio denaro depositato in Casa Bianca di Nixon da Milton Friedman, l’eroe presunta economia del libero mercato che di fatto seminato il seme per una espansione infinita della massa monetaria. La Fed, che celebra il suo centenario quest’anno, alimentato un’inflazione ruggente di merci e materie prime nel corso del 1970 che è stato portato sotto controllo solo dalla volontà di ferro di Paul A. Volcker, presidente 1979-1987.

Sotto il suo successore, l’eroe decaduto Alan Greenspan, la Fed ha lasciato cadere Friedman regole avaro di espansione monetaria, mantenendo i tassi di interesse troppo bassi per troppo tempo e inondazioni Wall Street con denaro fresco conio. Quello che divenne noto come il “Greenspan put” – il presupposto implicito che la Fed avrebbe intervenire se i prezzi delle attività è sceso, come hanno fatto dopo il mercato azionario crash del 1987 – è stato rafforzato dal imperdonabile della Fed del 1998 salvataggio dell’hedge fund Long-Term Capital Management.

Che il signor Greenspan politica monetaria allentata non ha fissato l’inflazione era solo perché i prezzi sul mercato interno dei beni e del lavoro sono stati schiacciati dalla enorme flusso di importazioni delle fabbriche dell’Asia. Con offshoring America commerciabili-settore dei beni, la Fed ha mantenuto l’indice dei prezzi al consumo contenute, ma anche permesso la liquidità in eccesso per favorire una inflazione ruggente in attività finanziarie. Ruffiano Mr. Greenspan incitato il boom più grande patrimonio di storia, con il mercato azionario in aumento di cinque volte tra il 1987 e il crollo del 2000 dot-com.

Ben presto gli americani si fermò risparmio e consumato tutto ciò che ha guadagnato e tutto ciò che potevano prendere in prestito. Gli asiatici, bruciato dal proprio crisi finanziaria del 1997, erano felici di obbligare noi. Essi – Cina e Giappone soprattutto – accumulato enormi riserve in dollari, trasformando le loro banche centrali in una serie di trappole monetarie in cui va in debito sovrano, ma non viene mai fuori. Stavamo vivendo giorni contati, spendendo gli ultimi  centesimi asiatici.

Questa dinamica ha rafforzato la parola d’ordine reaganiano che “i deficit non contano”, e il fatto che quasi $ 5 trilioni di nazione di $ 12 miliardi di dollari di “public company” del debito è in realtà sequestrato nelle casse delle banche centrali. La distruzione di rettitudine fiscale sotto Ronald Reagan – una delle ragioni mi sono dimesso come il suo capo di bilancio nel 1985 – è stato il più grande dei suoi tanti atti drammatici. Ha creato un modello per l’abbandono totale i repubblicani ‘del pareggio di bilancio politiche di Calvin Coolidge e ha permesso di George W. Bush per tuffarsi alla fine profondo, bancarotta la nazione attraverso due guerre illegittima e unfinanced, un’espansione gigante diassistenza medica e una tassa taglio baldoria per i ricchi che ha trasformato i lobbisti di K Street nell’ufficio di fatto della politica fiscale nazionale. In effetti, la G.O.P. keynesismo abbracciato – per i ricchi.

L’esplosione del mercato immobiliare, complice rating di credito falsi, shenanigans cartolarizzazione e malcostume intenzionale da erogatori di mutui ipotecari, i cedenti ei broker, è stata ben documentata. Meno conosciuto è il bilancio dell’esplosione tra le prime 10 banche di Wall Street durante gli otto anni con scadenza nel 2008. Anche se la loro piccola scheggia di capitale proprio è cresciuto poco, la loro dipendenza instabile “denaro caldo” salito come il fascio di regolamentare il Glass-Steagall Act aveva saggiamente imposto durante la Depressione è stato completamente smantellato.

Poche settimane dopo il fallimento di Lehman Brothers nel settembre 2008, a Washington, con la pistola di Wall Street per la testa, appoggiato i resti di questo pasticcio finanziario in preda al panico mischia di salvataggi e di denaro di stampa che è l’unico capitolo più vergognoso in American storia finanziaria.

Non c’è mai stata una minaccia a distanza di un 2.0 Grande Depressione o di un inverno nucleare finanziaria, contrariamente alle avvertimenti di Ben S. Bernanke, il presidente della Fed dal 2006. La grande paura – si manifesta con il tuffo mercato azionario quando la Casa bocciato il piano di salvataggio TARP prima di speleologia e di passarlo – era puramente un altro intruglio Wall Street. Se il presidente Bush e il suo consulente Goldman Sachs (alias il segretario al Tesoro) Henry M. Paulson Jr. rimase fermo, la crisi sarebbe bruciato da solo e riservato agli speculatori le perdite che meritava. Il principale sistema bancario strada non è mai stata in serio pericolo, bancomat non andavano buio e l’industria del mercato monetario non stava per  implodere.

Al contrario, la Casa Bianca, il Congresso e la Fed, sotto Bush e poi il presidente Obama, ha fatto una serie di manovre spericolate disperati, che erano non solo inutili, ma rovinoso. I salvataggi auto, per esempio, semplicemente spostato posti di lavoro in giro – in particolare per l’invecchiamento, elettoralmente vitale Rust Belt – piuttosto che salvarli. L ‘”energia verde” componente di stimolo di Obama è stato soprattutto un quasi $ 1 miliardo giveaway ai capitalisti amico intimo, come il venture capitalist John Doerr e l’auto-proclamata dallo spazio esterno visionario Elon Musk, per fare nuovi giocattoli per i ricchi.

Meno del 5 per cento dei 800 miliardi dollari stimolo Obama è andato al veramente bisognosi di buoni pasto, ha guadagnato reddito crediti d’imposta e altre forme di riduzione della povertà. La quota preponderante è finito in discariche di denaro ai governi statali e locali, carne di maiale-barile progetti infrastrutturali, le scappatoie fiscali aziendali e indiscriminate borghesi tagli fiscali. I keynesiani democratica, come intellettualmente fallito come le loro controparti repubblicani (anche se meno ipocrita), non ha avuto soluzione oltre a distribuire denaro preso in prestito per i consumatori, sperando che comprare un tosaerba, una TV a schermo piatto o, quanto meno, la cena al Red Lobster .

Ma anche Obama con le sue politiche irrimediabilmente imbonitorie non poteva competere con l’audacia della Fed, i tassi di interesse che è sceso a zero e poi stampati in digitale nuovo denaro al ritmo impressionante di $ 600 milioni di dollari all’ora. Fast-denaro speculatori sono stati “l’acquisto” mucchi enormi di debito del Tesoro e titoli garantiti da ipoteca, quasi interamente utilizzando denaro a breve termine durante la notte preso in prestito a costo zero in sostanza, grazie alla FED.

E l’Americano medio ci ha rimesso un sacco di soldi.

Se e quando la Fed – che promette ora per ottenere il tasso di disoccupazione al di sotto del 6,5 per cento fino a quando l’inflazione non superi il 2,5 per cento – anche allude alla contrazione proprio bilancio, sarà suscitare una marea di ordini di vendita, perché anche un modesto calo dei i prezzi delle obbligazioni distruggerebbe profitti delle arbitraggisti. Nonostante le assicurazioni Mr. Bernanke circa alla fine, a poco a poco facendo un’uscita indolore, la Fed è domiciliato in una prigione monetaria della sua creazione.

Mentre la Fed giocherella, Congresso brucia. Omonimo falchi fiscali come Paul D. Ryan, il presidente della commissione Bilancio della Camera, sono terrorizzati di dire la verità: che a 10 anni deficit è in realtà 15.000 miliardi dollari a $ 20 miliardi di dollari, molto più grande rispetto alla stima della Congressional Budget Office è di $ 7 miliardi di dollari. La sua ultima previsione, che immagina 16,4 milioni nuovi posti di lavoro nei prossimi dieci anni, rispetto a solo il 2,5 milioni negli ultimi 10 anni, è solo uno degli esempi più estremi di illusioni di Washington.

Anche un presunto misura “bold” – che collega il costo della vita di adattamento dei pagamenti di sicurezza sociale ad un diverso tipo di indice di inflazione – farebbe risparmiare appena $ 200 miliardi su un decennio, pari a quasi l’1 per cento del problema. Ultimo bilancio signor Ryan dà senza vergogna Social Security e Medicare a 10 anni passa, nonostante il fatto che una buona parte della loro quasi 19.000 miliardi dollari di costo rispetto quel decennio sarebbe andato agli anziani benestanti. Allo stesso tempo, la sua proposta di tagli draconiani 30 per cento in un decennio sul 7000 miliardi dollari di sicurezza rete – Medicaid, buoni pasto e il reddito guadagnato credito d’imposta – è un altro fronte della guerra del GOP ( Partito Repubblicano)contro il 99.

Senza alcuna modifica, nei prossimi dieci anni o giù di lì, il debito federale lordo, ora quasi 17.000 miliardi dollari, si sfreccia verso 30.000 miliardi dollari e salire al 150 per cento del prodotto interno lordo di circa 105 per cento di oggi. Dal momento che le nostre statiche regole costituzionali escludono qualsiasi prospettiva di un “grande patto”, il collasso fiscale della nazione giocherà in modo incrementale, come un greco / cipriota tragedia, in crisi attentamente coreografato oltre il tetto di debito,  risoluzioni e continui rappezzi temporanii di bilancio.

Il futuro è desolante. Il boom più grande costruzione nella storia registrata – il dumping monetario della Cina sulle infrastrutture nel corso degli ultimi 15 anni – sta rallentando. Brasile, India, Russia, Turchia, Sud Africa, e tutti gli altri in crescita a medio reddito nazioni non possono compensare la carenza di domanda. La macchina americana di stimolo monetario e fiscale ha raggiunto i suoi limiti. Il Giappone sta affondando nella vecchiaia fallimento e in Europa nel rispetto del benessere dello stato senescenza. I nuovi governanti in trono a Pechino l’anno scorso sa che dopo due decenni di selvatico prestito, la speculazione e la costruzione, anche loro dovranno affrontare una resa dei conti, anche.

Lo Stato in bancarotta è ben altra cosa rispetto alla  “Grande Moderazione” proclamata nel 2004 da Bernanke, che predisse che la prosperità sarebbe stata eterna perché la Fed aveva domato il ciclo economico e, ancora nel marzo 2007, ha testimoniato che l’impatto della crisi subprime “sembra destinato a essere contenuta.” Invece di moderazione, ciò che è a portata di mano è una grande deformazione, derivante da una banca canaglia centrale che ha incoraggiato il casinò di Wall Street, i risparmiatori crocifisso su una croce di zero tassi di interesse e alimentato un merce bolla globale che erode principali standard di vita di strada attraverso il cibo prezzi energetici crescenti e – una forma di inflazione che la Fed irresponsabilmente ignora nel calcolo dell’inflazione.

Queste politiche hanno portato l’America ad una fase terminale metastasi. La via d’uscita sarebbe così radicale che non possa succedere. Sarebbe necessaria una radicale divorzio dello Stato e l’economia di mercato. Ci vorrebbe una rinuncia di capitalismo clientelare e il suo primo cugino: economia keynesiana in tutte le sue forme. Lo Stato avrebbe bisogno di uscire dal business di arroganza imperiale, sollevamento economico, previdenziale e di spostare l’attenzione alla gestione e al finanziamento di un efficace, conveniente, con accertamento delle rete di sicurezza.

Tutto questo richiederebbe deflazione drastica del regno della politica e l’abolizione della stessa incombenza, perché la macchina dello Stato e la macchina della rielezione sono diventati troppo contigui. Indiscreti li distingue comporterebbe spazzamento chirurgia costituzionale: emendamenti per dare al presidente e ai membri del Congresso un unico mandato di sei anni, senza la rielezione, il 100 per cento finanziamenti pubblici per i candidati, limitando severamente la durata delle campagne elettorali (ad esempio, fino a otto settimane), e che vieta, per la vita, attività di lobbying da parte di chiunque che è stato sul libro paga legislativo o esecutivo. Sarebbe altresì necessario una riforma di  “Citizens United” affidandogli il mandato che il Congresso deve passare un bilancio in pareggio, altrimenti si attuerebbe un sequestro automatico della spesa.

Sarebbe anche necessario purificare il finanziarizzazione corrosivo che ha trasformato l’economia in un gigantesco casinò dal 1970. Ciò significa mettere le grandi banche di Wall Street fuori al freddo per competere come tutte le imprese esposte al rischio, senza accesso a prestiti a buon mercato Fed o l’assicurazione dei depositi. Le banche sarebbero in grado di accettare depositi e prestiti commerciali, ma essere vietato di negoziazione, la sottoscrizione e la gestione del denaro in tutte le sue forme.

Sarebbe necessario, infine, tenere in panchina della Fed pianificatori centrali, e il ripristino missione originaria della banca centrale: per fornire liquidità in tempi di crisi, ma non per comprare il debito pubblico o cercare di gestirla l’economia. Tenere la Fed fuori dei mercati finanziari è l’unico modo per ritabilire il libero mercato e la creazione di ricchezza reale tornando indietro al capitalismo autentico.

Questo, naturalmente, non accadrà mai perché ci sono migliaia di miliardi di dollari di attività, dai grattacieli di Shanghai a Fortune 1000 stocks ( le mille più grandi Corporations Americane ) investite nel l’ultimo mercato considerato di  “recupero” cioè quello immobiliare, artificialmente sostenuta dalla Fed tassi d’interesse repressione.

Gli Stati Unitisono ” rotti”  – fiscalmente, moralmente, intellettualmente – e la Fed ha incitato una guerra globale valuta (Giappone appena firmato, i brasiliani e cinesi sono arrabbiati, e l’Euro Zona sopraffatta dalla Germania si sta sgretolando) che presto la schiaccerà.

Quando l’ultima bolla scoppierà, non ci sarà nulla per fermare il collasso. Se questo suona come consiglio per uscire dai mercati e trovare un sicuro nascondiglio per i contanti , lo è.

David A. Stockman è un ex deputato repubblicano del Michigan, direttore di bilancio il presidente Ronald Reagan dal 1981 al 1985, e autore, più recentemente, di “Il grande deformazione:. La corruzione del capitalismo in America”

RELATED ARTICLE : http://wp.me/p2qWaW-Ay

2 responses to “Sundown in America – ITA Version

  1. Grazie per il vostro articolo, mi sembra molto utile, prover senzaltro a sperimentare quanto avete indicato c’ solo una cosa di cui vorrei parlare pi approfonditamente, ho scritto una mail al vostro indirizzo al riguardo.

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s