Money and Sustainability – The Missing Link


Bernard Lietaer, author, financial expert, and co-designer of the ECU (the monetary mechanism that later became the euro)

INTRODUZIONE 

Ho ritenuto importante pubblicare la sintesi in lingua originale e la traduzione in Italiano della profonda preoccupazione espressa dal CLUB  DI ROMA sulla non sostenibilità dell’attuale sistema monetario che sta mostrando tutte le sue contraddizioni e le sue esasperazioni ponendo in una situazione di grave pericolo l’intero ecosistema delle relazioni tra le persone, tra i popoli, e della sostenibilità ambientale di questo sviluppo che è distorto e malato.

Il CLUB DI ROMA fa suo l’appello affinché le classi dirigenti sappiano assumersi le responsabilità all’altezza dei loro compiti per evitare di portare il pianeta intero al collasso economico, civile e ambientale.

E’ con questo spirito che invito il lettore a raccogliere e meditare le suggestioni che provengono dalla lettura di quanto ho pubblicato e di farle sue ed attivarsi in base alle proprie competenze per la responsabilità e la consapevolezza che deve avere come cittadino di questo pianeta.

Marcello Lopez

Money-and-Sustainability-the-missing-link-Executive-Summary

Traduzione in ITALIANO

THE CLUB OF ROME

IL CLUB DI ROMA: EU CAPITOLO – CoR-UE
Presidente Onorario SAR il Principe Filippo del Belgio


               DIRE LA VERITA’ SUL DENARO

Considerazioni introduttive al rapporto Finance Watch ed al World Business Academy


Non stiamo dicendo la verità sui soldi. Ma il denaro è al centro dell’economia.E l’economia sta governando il mondo.

Domina il benessere umano dalla culla alla tomba. Governa l’utilizzo delle risorse naturali del pianeta e la qualità dell’ambiente.

Oggi è in genere ammesso che molti limiti dell’ecosistema della Terra sono stati superati. Ci sono prove cheil corso attuale non è sostenibile.

I governi, i media e la maggior parte dei leader compiono ogni sforzo possibile per convincere l’opinione pubblica di aderire al pensiero mainstream.

Se la società vuole essere o diventare di successo, dicono,  dobbiamo mantenere la fede nel paradigma corrente. Il Vangelo è ancora che tutto deve essere espresso in termini monetari. E che non c’è salvezza al di fuori dei dominanti sistemi finanziari e delle pratiche bancarie, un monopolio e uno strumento di grande potenza.

I sistemi chiusi sono preferiti a quelli aperti. La complessità è evitata. Invero una visione miope sullo sviluppo sostenibile……

Le soluzioni …
C’è, però, su cui riflettere e da fare ‘out-of-the-box’ in tutto il mondo.

In occasione di conferenze, nelle pubblicazioni e sempre più attraverso il Web, molte voci autorevoli denunciano i punti ciechi del paradigma attuale, che ci invitano ad agire senza attendere oltre.

Tuttavia, i loro messaggi non vengono trasmessi dai mass media. Essi vengono ignorati dalla maggior parte dei leader politici. Essi non raggiungono il grande pubblico. Allo stesso tempo, le persone chiedono a gran voce un cambiamento radicale, non meno importante nell’Unione europea.

Il Club di Roma EU capitolo (CoR-UE), con sede a Bruxelles, ha lo scopo di costruire dei ponti tra le istituzioni dell’Unione europea, le loro circoscrizioni e il Club internazionale di Roma, che è stato uno dei principali think-tank a livello mondiale da oltre 40 anni.

Il CoR-EU agisce come un catalizzatore di riflessione sullo sviluppo sostenibile in Europa. I suoi obiettivi strategici per i prossimi anni si concentrano sulle questioni di denaro e di governance.

Questo include avvio e facilitazione della ricerca di punta sui rivoluzionari concetti in questi domini.

Abbiamo chiesto al nostro collega Consigliere Bernard Lietaer di preparare una relazione sul denaro e sostenibilità che potrebbero contribuire ad un discorso sociale sull’attuazione nella UE di
politiche di sviluppo in un contesto più ampio, globale, che coinvolga le principali autorità pubbliche e private, il settore dei decision-makers, i media così come il pubblico in generale.

Con i co-autori Christian Arnsperger, Stefan Brunnhuber e Sally Goerner ha prodotto la presente relazione, che è pienamente appoggiata dallo UE Chapter del Club di Roma.

Mentre il problema è per definizione globale, il CoR-UE ritiene che la relazione dovrebbe essere primariamente indirizzata a suo nome ad un riconosciuto, organismo autorevole ed indipendente.

La scelta più appropriata sembra essere Finance Watch, un’associazione di interesse pubblico, di recente creata su iniziativa dei membri del Parlamento europeo.

E ‘dedicata a fare in modo che il sistema finanziario lavori per il bene della società, rafforzando la voce della società nella regolamentazione finanziaria, effettuando riforme a difesa dei cittadini e la presentazione di argomenti di interesse pubblico ai legislatori, come contrappeso alla lobbying  di interesse privato da parte del settore finanziario.

Non ha senso anche per affrontare il mondo degli affari in generale. Siamo lieti che la World Business Academy, un’organizzazione non-profit , think-tank di un network di dirigenti d’azienda, ha accettato di essere un secondo destinatario della nostra relazione.

La sua missione è di ispirare e aiutare le imprese ad assumere la responsabilità per l’intera società, esplorando il loro ruolo in relazione alla critica morale, ambientale e ai dilemmi sociali.

Il suo obiettivo sono di cambiare la percezione solipsistica degli imprenditori  nella leadership di servizio, nonché di modificare il comportamento del pubblico in generale, affinché spenda i propri soldi dove sono i suoi valori.
Questi obiettivi sono nel cuore del Club di Roma.

***

Al momento della stesura di queste osservazioni si assiste allo smantellamento dello stato come garante del bene pubblico. Quasi tutto è in vendita nella maggior parte dei paesi dell’UE. L’austerità è imposta a tutti i livelli. I disordini pubblici continueranno a crescere a meno che nuove strutture di governance sostituiscano quelle obsolete.
C’è qui una grande sfida per l’Unione europea. Noi osiamo sperare che la pubblicazione di Denaro e sostenibilità:Il Link Smarrito ispiri molti decision maker ed opinion leader a cambiare rotta ora, scegliendo nuovi approcci creativi in questioni monetarie.

Abbiamo urgente bisogno di una maggiore consapevolezza morale a tutti i livelli.
Il CoR-UE è in debito con la World Academy of Art e della Scienza, rappresentata da Ivo Slaus, Presidente e Garry Jacobs, Presidente del Consiglio di Amministrazione e CEO, nonché di Felix Unger, Presidente
dell’Accademia Europea delle Scienze e delle Arti per sostenere tale Relazione co-firmando questi brevi osservazioni preliminari.
                               

                                  Mark DUBRULLE
                             Membro del Club di Roma
                           Presidente del CoR-UE Chapter


Felix UNGER
Presidente dell’Accademia Europea
delle Scienze e delle Arti                                                   Ivo SLAUS
                                                                          Presidente della World Academy d’Arte e Scienze

Messaggio del Segretario Generale del Club di Roma

                             IL DENARO E’ IL DIAVOLO ?
Il denaro, così ci viene detto, è la radice di ogni male, fa girare il mondo, ma non può comprarci l’amore.
La verità è che il denaro è diventato un elemento centrale della nostra esistenza. Misura la nostra crescita economica , il nostro status sociale e le nostre abitudini di consumo. Due miliardi di noi sul pianeta Terra hanno neanche lontanamente ciò che è sufficiente per vivere, eppure l’uno per cento della nostra popolazione ha più di quanto non potrà mai
utilizzare e ostenta in un modo che atterrisce spesso molti di noi.
Come è potuto accadere? Come può una semplice invenzione che aveva, al suo cuore,  un tale obiettivo lodevole – di aiutare le persone a scambiare i loro prodotti di base semplice ed efficace – andare così male?
Perché abbiamo questa frattura tra finanza ed economia, tra i mercati finanziari e la reale economia per al quale era destinato a servire ?

Le conseguenze di questa frattura sono stati in crescita per
decenni. Negli ultimi quarant’anni, il mondo è stato devastato da oltre 400 crisi finanziarie; esse hanno destabilizzato le economie, impoverito persone in tutto il mondo e hanno raso al suolo  il capitale naturale del pianeta. I mercati monetari e finanziari sono diventati fini a se stesse.
Lietaer ed i suoi colleghi hanno avviato un’indagine ambizioso tempestiva sul ruolo del denaro e dei suoi effetti sulla sostenibilità. Egli ci accompagna in un viaggio incredibile, che pone il denaro nel suo contesto giusto come un mezzo per un futuro sostenibile. Egli analizza l’emergenza di una società speculativa dove il denaro fluttua intorno al nostro casinò globale e in cui solo il 2% $ 4 trilioni  scambiati ogni giorno nelle operazioni in cambi prende effettivamente la strada verso l’ economia reale.
Ma ora, immagina che le percentuali siano invertite ed abbiamo potuto iniettare il 98% nell’economia reale .

Cosa potrebbe significare questo per lavoro o per ridurre la povertà? Per la sostenibilità?
Il libro contiene argomenti forti che devono essere ascoltati, digeriti e agire di conseguenza.
La sezione su come il denaro influisce sulla sostenibilità fa il punto chiave che le crisi globali sono una con l’altra interconnesse. La crisi finanziaria non è che una dimensione di un multi-dimensionale puzzle.
Tuttavia, il libro è più di una diagnosi dei mali e travagli del nostro sistema monetario, ma indica anche nuovi modi di riformare il nostro sistema finanziario, formula idee pionieristiche e le potenziali soluzioni. L’invito a pensare alle alternative e a strategie innovative è opportuno e necessario.
Il Club di Roma si congratula con gli autori. Il loro libro si articola in molte delle preoccupazioni che il Club di Roma ha evidenziato nel corso degli anni. Non c’è dubbio sulla necessità urgente di una revisione importante del nostro sistema finanziario. Manometterla è a nostro rischio e pericolo.
Senza un buon funzionamento del mercato finanziario non vedremo i progressi necessari per proteggere la nostra base di capitale naturale ed assicurare lavoro significativo per chi ne ha bisogno. Noi pagheremo un alto prezzo. Gli autori hanno compreso questo e hanno messo davanti a noi un libro ragionato e importante.
Ian JOHNSON
                                                       Segretario Generale – Il Club di Roma


Prima di entrare nel Club di Roma nel 2010, Ian Johnson ha trascorso 26 anni presso la Banca Mondiale, dove divenne Vice Presidente per lo sviluppo sostenibile e, per cinque anni, presidente del Gruppo Consultivo sulla Ricerca Agricola Internazionale (CGIAR) .

    The World Academy of Art and Science

Le attuali crisi economiche, politiche e morali non possono essere risolte e non possono nemmeno essere ridotte,
applicando ancora gli  stessi approcci che li hanno generati in primo luogo. Nuove idee, cambiamenti out-of-the-box del pensiero e nuovi paradigmi sono obbligatori.

Molti concetti prevalenti attualmente dati per scontati devono essere ristudiati e e rimessi in discussione.

Il denaro è un concetto.
WAAS appoggia e sostiene con forza l’iniziativa del Club di Roma-UE Chapter e grazie al collega del WAAS Bernard Lietaer che ha iniziato questa linea di ricerca importante ed originale più di un decennio fa e l’ha presentata in occasione delle riunioni del World Academy.

Lietaer e i suoi collaboratori, Christian Arnsperger, Sally Goerner e Stefan Brunnhuber, hanno prodotto un notevole studio, Denaro & Sostenibilità: l’anello mancante, che merita seria attenzione da
dirigenti, politici, teorici e altri che cercano di capire le radici della corrente crisi monetaria e le misure per affrontarla.
Questo studio completa sforzi altre WAAS sottolineando il valore essenziale e il ruolo del capitale umano.

Il Rapporto ci ricorda che il denaro è uno strumento creato per l’uomo, destinato ad aiutare la società al fine di ottimizzare il benessere umano. Il sistema monetario prevalente incoraggia la moltiplicazione di denaro destinato ad investimenti speculativi  destabilizzanti e non per investimenti produttivi che creino posti di lavoro, aumentino i redditi reali e promuovano l’equità sociale.

Il Rapporto esamina strategie monetarie alternative che possono contribuire a mobilitare risorse sociali sottoutilizzate, in particolare l’enorme numero di giovani disoccupati e sottoccupati e adulti il cui potenziale umano viene ignorato e sperperato dal sistema attuale.

La presente relazione costituisce un invito ad un tempestivo intervento politico ed economico.
Desideriamo esprimere il nostro apprezzamento agli autori e al Club di Roma EU-Chapter per questa importante iniziativa.

     Ivo SLAUS
    Presidente                                                                   Garry JACOBS
                                                Presidente del consiglio di amministrazione e CEO

WORLD BUSINESS ACADEMY

  Assunzione di Responsabilità per tutto il Pianeta Terra.

“La guerra è troppo importante per essere lasciata ai generali”, come dice il vecchio adagio. Allo stesso modo, la politica monetaria è troppo importante per essere lasciata ai teorici monetari. La brillantezza della presente relazione è che
cattura e mappa – con chiarezza cristallina – il collegamento fondamentale tra il cambiamento climatico , i ciclici boom congiunturali del nostro attuale sistema monetario, la fragilità dell’ economia globale, l’instabilità politica della maggior parte delle Democrazie Occidentali, ed il pauroso abisso in cima al pozzo del capitale internazionale rappresentato sotto forma di ricevute di gioco che noi chiamiamo eufemisticamente “derivati”.
La capacità di riportare sinteticamente e in maniera divulgativa la interrelazione di queste parti dinamiche è di per sé un merito che dobbiamo ascrivere a Bernard Lietaer ei suoi collaboratori. Ancora più importante, la Relazione è così lucida e leggibile, che il lettore medio può capire la straordinarie problematiche affrontate in un modo raramente possibile con articoli professorali di teorici monetari.
Il Rapporto ha illuminato domande essenziali di solito lasciate negli angoli polverosi del mondo accademico rinchiuso nella torre d’avorio e li ha messi a fuoco per la gente comune della piazza del mercato.            Il Saggio trasmette quello che dobbiamo fare, individualmente e collettivamente, se si sceglie di avere imprese che fanno affari in modo di crescere in maniera sana e sostenibile.
Dal punto di vista commerciale, la politica monetaria non è un esercizio accademico:
In tempi normali, la pro-ciclico amplificazione del processo di creazione del denaro è estremamente costoso per il mondo delle imprese; le imprese tendono ad essere sempre sotto – o sovra personale,
sotto – o sovra patrimonializzate, ed entrambe queste estremità hanno amplificato il ciclo.
In tempi di crisi, quando le banche fanno un passo falso in realtà tengono in ostaggio l’intera “azienda mondo” e aumentando il rischio per tutte le imprese, grandi o piccole, da Main Street a Wall Street.
Le soluzioni presentate nel capitolo VII mostrano quello che le stesse aziende possono e devono fare per evitare sistematicamente questi problemi.
Il Rapporto completo è uno strumento prezioso che consente ai dirigenti apicali e ai loro consigli di amministrazione per
capire quello che necessitano di sapere e di fare per condurre le loro imprese e massimizzare il valore per gli Stakeholder.
Il World Business Academy è stata a lungo impegnato a promuovere attività d’avanguardia nelle informazioni per i dirigenti aziendali costretti a condurre i propri affari attraverso i tempi difficili in cui viviamo.

L’Accademia ringrazia Bernard Lietaer ed i suoi collaboratori per averci presentato questa relazione e incoraggia tutti i livelli di governo e le imprese private di utilizzare il Report per iniziare una conversazione seria sulle criticità che la relazione illumina- finché siamo ancora in tempo.

                                                                        Rinaldo S. BRUTOCO
                                                                                     President

Prefazione di Dennis Meadows

L’arsenico è stato usato come medicina per migliaia di anni. Si tratta di un veleno mortale, naturalmente.

Ma la sua capacità di alleviare i sintomi a breve termine di sofferenza ha portato molti malati di
usarlo comunque. Solo nel secolo scorso è stato principalmente sostituito da meno letali
alternative.

La valuta corrente emesse attraverso enti privati mediante la creazione del debito è stata utilizzata dalle nazioni per secoli. I suoi effetti letali stanno diventando evidenti. Ma la sua capacità di alleviare i sintomi di disagio ha portato al suo uso comunque. Possiamo solo sperare che in questo secolo si inizierà a utilizzare alternative meno mortali.

Ho letto la letteratura sulla sostenibilità per 40 anni. Ho frequentato centinaia di conferenze sullo stesso tema in tale periodo. Tuttavia, prima che per la prima volta m’imbattei nel lavoro di Bernard, non avevo mai sentito nessuno descrivere il sistema finanziario
come causa di una corsa forsennata al collasso della nostra società.  Piuttosto il contrario: c’è uno sforzo diffuso per identificare come piccole modifiche nel sistema finanziario potrebbe muovere la società globale verso un sentiero che conduce alla sostenibilità.

Un pesce non potrà mai creare il fuoco mentre è immerso in acqua. Non riusciremo mai a creare
sostenibilità immersi nel sistema finanziario. Non vi è alcuna tassa, o tasso di interesse, od obbligo di informativa che può superare i molti modi in cui il corrente sistema monetario blocca la sostenibilità.

Non ero abituato a pensare questo. Anzi, non pensavo sul sistema soldi per tutti.
L’ho preso per scontato come un aspetto neutro e inevitabile della società umana. Ma dal momento che
ho cominciato a leggere le analisi di Bernard ho una visione molto diversa. Egli non è solo. Per esempio di Tommaso Greco ha scritto su questo argomento. Ma la profondità della pratica esperienza di Bernard, la comprensione teorica, storica e le prospettive sul sistema finanziario lo rendono senza pari.

Ora capisco, come dimostrato chiaramente in questo testo, che il sistema finanziario prevalente
è incompatibile con la sostenibilità in cinque modi:

• provoca cicli di boom di rovina nel ciclo dell’economia

• produce il pensiero a breve termine

• richiede una crescita senza fine

• si concentra la ricchezza

• distrugge  capitale sociale

Ogni uno di questi è probabilmente sufficiente per far deragliare il piano più considerato con attenzione
per una transizione verso la sostenibilità. Insieme sono una ricetta per il disastro, che
è proprio quello che ci stanno dando. L’instabilità del sistema finanziario dovrebbe essere sufficiente a provocare allarme, come sottolineano gli autori:

“Secondo il FMI, tra il 1970 e il 2010 ci sono stati 145  crisi bancarie, 208 crash monetari e 72 crisi del debito sovrano,in altre parole, un incredibile totale di 425 crisi sistemiche. Una media di oltre 10 all’anno! Queste crisi hanno colpito più di tre quarti dei 180 paesi che sono membri del FMI, molti di loro sono stati colpiti più volte. “

Osservatori informati della crisi del 2008, di gran lunga la più grave crisi finora, credono che le cause di instabilità non sono stati modificate. Al contrario molte di esse sono diventate ancor più minacciose. Ci sarà sicuramente un altro disastro finanziario globale.

Nel linguaggio comune inglese si usa dire, ‘Come un pesce fuor d’acqua’. Ci si riferisce a qualcuno o qualcosa in una situazione molto insolita e goffa. Ma a meno che il pesce riesca ad uscire dall’acqua, i suoi esperimenti non porteranno mai al fuoco. Stiamo per andare attraverso un periodo difficile, la sperimentazione di nuovi sistemi di valuta, se vogliamo avere qualche possibilità che i nostri sforzi ci portino alla sostenibilità.

Validi sistemi di valuta complementare non sono da sole sufficienti a fermare la nostra corsa a capofitto  verso il disastro. Ma non abbiamo alcuna possibilità di evitare il collasso, senza di loro.

Questo testo è una ricca fonte di informazioni. Dispone di materiale per quattro diversi libri:

  • una critica devastante del tradizionale pensiero economico

  • un’eccellente discussione dei meccanismi attraverso i quali viene creato il denaro in una società moderna

  •  una descrizione dei molti problemi possiamo aspettarci dal cambiamento climatico e sul futuro collasso del sistema finanziario

  •  le proposte per nove differenti pragmatici complementi monetari al corrente sistema finanziario

Il libro è quindi un utile punto di partenza per le persone con obiettivi molto diversi.

I nostri primi antenati finalmente riuscirono a sviluppare una tecnologia basata sul Fuoco. Ma dovevano emergere dall’oceano di farlo. I nostri discendenti senza dubbio svilupperanno una tecnologia basata sulla sostenibilità. Ma dovranno emergere dall’attuale sistema finanziario per farlo. Questo libro dà la motivazione e alcune preliminariindicazioni per farlo.

                                                 Em. Prof. Dennis Meadows

                                              New Hampshire, febbraio 2012

Affrontare la crisi dell’euro … Un altro modo?

Mentre andiamo in stampa, l’elettorato greco – dopo due anni di drastiche misure di austerità – ha votato chiaramente contro i tagli, il salvataggio e il contesto politico. Il Caos nella zona euro sembra un passo avanti. Quindi prendiamo questa occasione per delineare come una sola delle proposte di questo libro può essere applicata ora, in Grecia, Spagna o in qualsiasi altro paese di fronte a questo tipo di crisi. È una soluzione che finanzieri e dei media tradizionali eviterebbero di discutere, ma è elegante e semplice. Essa potrebbe funzionare, ed il necessario software (Open Source)  è già disponibile.

Current ortodossia monetaria dice che il 100% dell’economia greca (o di qualsiasi altra), deve essere  ‘in’ o ‘fuori’ della zona euro. Tutti sanno che entrambe le due opzioni comporteranno un livello ancora più in alto di disoccupazione e di miseria . Ma non deve essere così! Il principio fondamentale delle monete complementari, come indicato qui, è che si agganciano all’andamento della valuta principale, aumentando la resilienza e la flessibilità per l’intero sistema socio-economico. Ecco la nostra sistemica soluzione in poche parole:

• La Grecia continua a utilizzare l’euro per tutti i business internazionali: il turismo, il trasporti marittimi, le esportazioni e le importazioni, , ecc.. Le tasse vengono riscosse in euro sugli utili realizzati in queste attività, e utilizzato a servizio del debito nazionale del paese.

• Inoltre, qualunque città / regione greca che voglia partecipare può emettere la propria valuta locale (Genericamente chiamato ‘Civics’ nel caso di studio nel capitolo VIII). I Civics vengono utilizzati per pagare importanti programmi locali,  sociali e ambientali. Nel nostro esempio, 1  Civic è rilasciata a chiunque compie 1 ora di servizio autorizzato per la comunità. Progetti per i quali i Civics sono pagati possono essere decisi democraticamente e localmente.

• La città/ regione di emissione richiede il pagamento da ogni famiglia, per esempio, di 10 Civics/trimestre.

• Le famiglie che non hanno guadagnato abbastanza Civics possono utilizzare un mercato online (eBay-style)  per acquistarli con Euro – o qualsiasi altro bene o servizio concordato – da quelli che ne hanno guadagnati più del necessario.

• I Civics esistono solo in forma elettronica, emesso dalla città / regione, utilizzando i telefoni cellulari come un meccanismo di pagamento (come avviene in Indonesia, Sud Africa e Kenya ora). Così i Civics sono al 100% tracciabili e il loro utilizzo è trasparente.

• Un nuovo tipo di organizzazione non-profit controlla la validità dei Civics in circolazione.

• Non vi è alcun Civic fisso: no tasso di cambio dell’euro. Questo è determinato nel mercato online. A incrementare il valore del suo Civic, una città richiede semplicemente più di essi da ogni famiglia. Come l’economia locale si riprende, questo numero può essere ridotto, e potrebbe scendere anche a zero quando viene raggiunta la piena occupazione.

Questo approccio consente all’economia greca di mantenere i benefici dell’euro, mentre il Civic aiuta ogni comunità risolvere i propri problemi sociali e ambientali, mobilitando nel contempo ogni nucleo familiare (con eccezioni appropriate per disabilità, ecc.) a partecipare.

( La valuta chiamata business-to-business  C3 – si veda il capitolo VII – potrebbe anche iniettare capitale circolante nelle piccole imprese ed accelerare il recupero di posti di lavoro tradizionali pagati in euro. Approcci Similari potrebbero essere utilizzati in altri paesi europei alle prese con le conseguenze dei programmi di austerità in corso.)

                                Bernard Lietaer, Christian Arnsperger, Sally Goerner, Stefan Brunnhuber

                                                                                                          Maggio 2012

****************************************************************************************************

                                                                          SINTESI

Le persone che si occupano di sostenibilità in generale – come le questioni concernenti il cambiamento climatico, il degrado ambientale,la carenza cibo ed acqua, la crescita della popolazione ed il consumo di energia – tendono a non preoccuparsi del sistema monetario. Né tendono a cercare  soluzioni che comportino innovazioni monetarie. Anche quegli economisti che portano la loro attenzione preoccupata per la sostenibilità in linea di principio sono raramente consapevoli del fatto che il nostro sistema monetario incoraggia sistematicamente comportamenti insostenibili che possono finire per minacciare la sopravvivenza umana su questo pianeta. In realtà, questo Rapporto mostra che l’attuale sistema monetario è sì una parte fondamentale del “problema” della sostenibilità complessiva ma anche la parte vitale di qualsiasi soluzione. Si chiarisce che la consapevolezza di questo “Missing Link” è un assoluto imperativo per economisti, ambientalisti e chiunque altro cercando di indirizzare la sostenibilità a livello nazionale, regionale o globale. Puntare per la sostenibilità senza ristrutturare il nostro sistema monetario è un approccio ingenuo, destinata al fallimento.

Così il sistema monetario è un male per la sostenibilità sociale e ambientale. Ma questo Rapporto dimostra anche – forse più sorprendentemente – che il sistema monetario è un male per il sistema monetario stesso. A meno di  ristrutturarlo fondamentalmente, non possiamo raggiungere la stabilità monetaria. Infatti, la relazione dimostra anche che la stessa stabilità monetaria  è possibile, e solamente se, si applica la biomimetica sistemica – vale a dire, se ci completiamo il prevalente monopolio  monetario con ciò che noi chiamiamo un  “ecosistema monetario”.

Infine, la buona notizia è che la rivoluzione dell’informazione e della comunicazione che stiamo vivendo oggi  già ci spinge proprio nella direzione giusta.

Diamo un’occhiata a questa idea del sistema monetario come ‘Anello Mancante’ più in dettaglio.
Il nostro mondo si trova ad affrontare le sfide immense di una duplice crisi della sostenibilità. Da una parte, il cambiamento climatico, l’aumento dei gas ad effetto serra e i picchi nei prezzi degli alimenti e dell’energia è un segnale che i nostri modi di produzione di beni e consumo e nei servizi sono diventati insostenibili. D’altra parte, le ripetute crisi finanziarie e monetarie sono lì a ricordarci che il nostro sistema monetario ha i suoi problemi. Gli sforzi per risollevare il sistema e ‘salvare’ questo sistema monetario durante il collasso bancario 2007-2008, seguiti da tentativi fallimentari di contenere le ricadute tossiche economiche con uno ‘stimolo keynesiano’, hanno dato luogo a forti aumenti di indebitamento pubblico. Sulla scia del debito sovrano e la crisi dell’Euro, sia gli Stati Uniti che i Governi Europei sono attualmente in fase di spinta agli estremi finanziari. Pensioni, indennità di disoccupazione ed altre reti di sicurezza sociale, nonché di investimento in una economia post-carbon  sono tutte in pericolo esattamente nel momento in cui sono più necessarie. In parallelo, molti beni pubblici sono in corso di  privatizzazione.

Gli ambientalisti spesso cercano di affrontare la crisi ecologica pensando alla creazione di nuovi incentivi monetari, la creazione di tasse ‘verdi’ o incoraggiando le banche a finanziare investimenti sostenibili. Gli economisti, a loro volta, tendono a credere che la crisi finanziaria può essere ‘risolta’ e impedita ricorrendo ad una migliore regolamentazione e ad un rigoroso, prolungata riduzione della spesa pubblica . Ma, sia che sostengano tasse più verdi, bilanci pubblici più snelli, Euro o Dollari o Sterline più verdi, è probabile che entrambi prendano lucciole per lanterne ?

E ‘nostra opinione che la’ anello mancante ‘  tra  finanza e ambiente, tra il denaro e la sostenibilità, sia altrove. Ciò che questo rapporto dimostra fuor di dubbio è un difetto strutturale monetario- un difetto nel modo stesso in cui creiamo denaro – che sta generando i nostri sconcertanti problemi . L’inevitabile conclusione?  Che, al fine di affrontare le sfide del 21 ° secolo, abbiamo bisogno di ripensare e di rivedere accuratamente tutto il nostro sistema monetario.

CAPITOLO I – Perché questa relazione, ora?

La presente relazione ha tre obiettivi:

• Fornire la prova che le instabilità finanziarie e monetarie che affliggono l’Europa e il resto del mondo hanno una causa strutturale che è stata in gran parte trascurata. Affrontare questa causa strutturale è una condizione necessaria (ma non
sufficiente)  per affrontare le sfide di oggi.

• Per posizionare il problema monetario, e soluzioni ad esso, nel contesto di due questioni globali: il cambiamento climatico e l’invecchiamento della popolazione. Infatti è di tutta evidenza che, al fine di evitare gli scenari peggiori del cambiamento climatico, sono necessari massicci
investimento  ora :  investimenti che richiederanno leadership governativa e finanziamenti. Allo stesso tempo, il pensionamento dei baby boomers riduce entrate pubbliche, aggiungendo al contempo pressione ai già fortemente minati  programmi sociali. Entrambe le questioni raggiungeranno il loro picco durante questo decennio, e nessuno delle duesono compatibili con le misure di austerità. Continuando a seguire il corrente paradigma monetario rendereremo i governi incapaci di affrontare queste sfide sociali e ambientali.

• Proporre soluzioni pragmatiche che possono essere implementate convenientemente da parte dei cittadini, enti non-profits, imprese o governi: soluzioni che potrebbero
risolvere a livello strutturale diversi problemi critici di sostenibilità che attualmente si trovano ad affrontare molti paesi.

La storia vedrà probabilmente il periodo 2007-2020 come uno di turbolenze finanziaria e graduale crollo monetario. La storia ha anche dimostrato che i cambiamenti sistemici nel
settore monetario avvengono solo dopo un crash. Pertanto, il tempo di svegliarsi sulle questioni monetarie è ora.

CAPITOLO II – Costruire paradigmi economici chiari

Dibattiti su questioni economiche raramente rivelano il paradigma di cui un economista sta parlando. Iniziamo facendo esplicito il quadro concettuale che sta alla base del nostro approccio, confrontandolo con altri paradigmi attualmente in uso. Piuttosto che definire le questioni ambientali e sociali come ‘esternalità’, il nostro approccio vede l’attività economica come un sottoinsieme del regno sociale, che, a sua volta, è un sottoinsieme della biosfera.               Questa prospettiva fornisce la base per la nascita di una nuova serie di strumenti pragmatici,  sufficientemente flessibili per affrontare molte delle nostre sfide economiche, sociali e ambientali.

Soffriamo di tre livelli di ‘punti ciechi’ collettivi per quanto riguarda il nostro sistema monetario.  

Il primo punto cieco riguarda l’egemonia dell’idea di una valuta singola, centrale . E ‘opinione diffusa che le società hanno sempre, e devono sempre, imporre, come un monopolio, un unico, una moneta emessa centralmente, sulla quale è imposto un interesse. In effetti, diverse società interessanti, come l’Egitto Dinastico e in Europa nel periodo centrale del Medioevo (dal 10° al 13°secolo), hanno incoraggiato in parallelo multiple valute. Quest’ultimo approccio ha portato a una maggiore stabilità economica, un equa prosperità ed un’economia in cui le persone tendono naturalmente a considerare il lungo termine più di noi.

Il secondo livello del nostro collettivo ‘punto cieco’ è il risultato della guerra ideologica tra capitalismo e comunismo negli anni ‘ 20° secolo. Sebbene le minute differenze tra questi due sistemi sono stati studiati ad nauseam, ciò che hanno in comune è rimasto meno esaminato: in particolare il fatto che ambedue impongono un unica  moneta nazionale in monopolio che viene creata attraverso debito bancario. L’unica differenza significativa tra i due è che, nel sistema sovietico, la proprietà delle banche è statale , mentre, nel sistema capitalista, ciò si verifica solo periodicamente (di solito dopo che le banche ‘troppo grandi per fallire’ attraversano gravi momenti di difficoltà).

Dal 18° secolo in poi, lo status quo sistemico è stata istituzionalizzato attraverso la creazione di banche centrali, come autorità delegate al monopolio monetario. Questo
quadro istituzionale gira al livello finale del ‘punto cieco’.

Questi tre livelli spiegano perché c’è una resistenza così forte e duraturo a  riconsiderare il paradigma di un’unica,  moneta  prodotta monopolisticamente.

CAPO III –   L’instabilità bancaria e monetaria

 Il cambio attuale e i mercati finanziari dei derivati  fa impallidire qualsiasi altra cosa sul il nostro pianeta. Nel 2010, il volume delle transazioni in valuta estera ha raggiunto 4.000 miliardi dollari al giorno. Al giorno, le esportazioni o importazioni di tutti i beni e servizi mondiali ammontano per un importo pari a circa il 2% di tale cifra. Il che significa che il 98% delle transazioni su questi mercati sono puramente speculative. Questa cifra in valuta estera non include i derivati, il cui volume nominale è stato di $ 600 miliardi – o otto volte il PIL annuale del mondo intero nel 2010.

Fu in questo mercato colossale che nel 2007 scoppiò la crisi del sistema bancario. Come per ogni collasso bancario precedente, i governi ritennero di non avere altra scelta che di  salvare il sistema bancario , a qualunque costo per il contribuente. Anche se questo è chiaramente la più grande crisi che abbiamo sperimentato dal 1930, non è certo la prima. Secondo i dati FMI, 145 paesi hanno attraversato crisi bancarie. In aggiunta, ci sono stati 208 crash monetari e 72 crisi del debito sovrano tra il 1970 e il 2010. Ciò porta all’ammontare totale di 425 crisi sistemiche, ossia una media di più di dieci paesi in crisi ogni anno!

Le conseguenze in termini di disoccupazione, perduta produzione economica,  perturbazioni sociali e diffusa sofferenza umana sono drammatiche. La totalità dei costi finanziari della crisi 2007-2008 non hanno precedenti. Negli Stati Uniti, per esempio, si è spesso parlato dei $ 700 miliardi di Troubled Asset Relief Program (TARP)  , anche se sono solo una prima tranche dell’operazione di salvataggio. La citazione di questo programma è di solito seguito dal commento: “la maggior parte di quel denaro è ormai stato rimborsato”. Il caso degli Stati Uniti è di interesse perché è l’unico paese in cui sia il governo che la banca centrale sono stati costretti dai giudici a rivelare il costo totale dei programmi di salvataggio legato alla crisi 2007-8. Oltre al TARP, quarantanove altri programmi hanno sono stati coinvolti nel salvataggio degli Stati Uniti per un costo complessivo di 14.400 miliardi dollari. In confronto, il totale del PIL degli Stati Uniti nel 2007 era $ 16 trilioni di dollari.

I salvataggi, seguiti da un grande piano di stimolo keynesiano per evitare una  depressione deflazionistica, hanno portato ad enormi deficit di bilancio ed ulteriore debito pubblico. Nei ventitré paesi più direttamente colpiti dal crollo bancario, il debito pubblico è cresciuto in media del 24% del PIL. Per alcuni paesi europei come l’Islanda, Irlanda, Lettonia, Danimarca e Spagna è andata peggio, con aumenti del debito pubblico tra il 30% e l’80% del PIL.

La tempistica non avrebbe potuto essere la peggiore. L’ondata dei baby boomers che andrà in pensione nel prossimo decennio causerà enormi ulteriori pressioni sul debito pubblico.
Uno studio del 2010 della Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI) ha stimato che, entro il 2020, legate   deficits correlati all’età faranno aumentare il debito pubblico oltre il 200% del PIL nel Regno Unito e al 150% in Francia, Irlanda, Italia, Grecia, Belgio e Stati Uniti.                             Questa previsione è ancora ottimista, perché si basa sul presupposto di bassi tassi d’interesse.                                           Entro il 2040, le proiezioni legate all’età spese spingeranno i rapporti debito / PIL per tutti questi paesi da qualche parte all’interno di un range tra il 300% e il 600%.

Le soluzioni raccomandate dal settore finanziario sono un pacchetto di immediata, coercitive misure di austerità ed un invito per i governi di privatizzare tutto. In paesi in cui è noto l’elenco dei beni del governo presi di mira, questo include tutti le strade pubbliche, gallerie, ponti, parcometri, aeroporti, tutti gli edifici per uffici di proprietà statale, nonché i sistemi idriche e fognari. Per gli Stati Uniti, dove i dati sono disponibili, ciò equivale a  9.300 miliardi $ di beni federali, statali e di comunità cittadine.

Una valutazione della situazione degli Stati Uniti da parte del settore finanziario è la seguente: “Non appena il dolore politico per il taglio dei servizi pubblici diventa maggiore del costo in termini di voti persi a causa della vendita degli assets pubblici, questo mercato decollerà. A livello popolare, questa critica soglia del dolore politica è ormai stata raggiunta. “ 1

Allo stesso modo in Europa, il Regno Unito ha annunciato un programma di privatizzazione da 16 milardi di Sterline; in Italia, 9.000 immobili di proprietà pubblica sono stati messi in vendita dal governo Berlusconi , il governo Sarkozy in Francia ha venduto tutte le strade a pedaggio del paese per 5 miliardi di Euro, le condizioni connesse al pacchetto di salvataggio greco comprendeva 50 miliardi di Euro in privatizzazioni; e l’elenco potrebbe continuare. Queste pressioni rimarranno pervasive per un lungo tempo. Ma cosa succede dopo? Perché i governi diventano più meritevoli di credito una volta che devono pagare l’affitto per i loro uffici, e devono pagare il pedaggio per i loro dipendenti che guidano per andare al lavoro sulle strade che una volta erano di proprietà pubblica?

Prima di procedere alla cieca su questa strada, non sarebbe utile per determinare se, al di là della crisi attuale reputata meramente un altro caso di finanziario di grossolana cattiva gestione, vi è una causa sistemica comune a tutte le instabilità finanziarie e monetarie ?

_____________________

1 Euromoney, April 2010, p.85.

CAPO IV – Spiegazione dell’Instabilità : La fisica delle reti complesse di flusso

Dal 19°secolo, l’economia tradizionale ha classificato il sistema economico come un sistema chiuso. I sistemi chiusi hanno relativamente poca interazione con altri sistemi o con l’ambiente esterno, mentre i sistemi aperti ce l’hanno. Una caratteristica intellettualmente conveniente dei sistemi chiusi è che essi raggiungono un equilibrio statico quando sono lasciati indisturbati.

Questo Rapporto propone di vedere l’economia come un sistema aperto costituito da reti di flusso complesse in cui il denaro circola tra e fra i vari agenti economici. Recentemente è diventato possibile misurare con una metrica unica
la sostenibilità di qualsiasi rete di flusso complessa sulla base della sua diversità strutturale e della sua interconnettività.   Un risultato chiave è che qualsiasi sistema di flusso complesso  è sostenibile se, e solo se, si mantiene un equilibrio fondamentale tra due proprietà, parimenti essenziali ma complementari: la sua efficienza e la sua resilienza. Quando troppa enfasi è messa sull’efficienza a discapito della resilienza, la diversità viene sacrificata. Questo automaticamente provocherà improvvisi crolli sistemici.

Abbiamo una monocoltura  monetaria mondiale in cui lo stesso tipo di strumento di scambio  è messo in circolazione in tutti i paesi: una moneta unica nazionale creata attraverso debito bancario. Questa monocultura tende a generare un fragile e insostenibile sistema. La soluzione strutturale, necessaria per dare alla sostenibilità una possibilità, sebbene totalmente non ortodosso, è quello di diversificare i mezzi di scambio disponibili e gli agenti che li creano. In breve, al posto di una monocultura monetaria, abbiamo bisogno di un ecosistema monetario.

CAPO V – Gli Effetti del Sistema Monetario attuale sulla      Sostenibilità

Le crisi monetarie o finanziarie possono essere altamente distruttive e non sono ovviamente compatibili con la sostenibilità. Cosa c’è di più difficoltoso da percepire di come alcuni meccanismi costruiti nel nostro attuale sistema monetario forma comportamenti individuali e collettivi, anche quando non è in crisi. Sul lato positivo, il denaro moderno dovrebbe essere accreditato con innescando un’esplosione di innovazione imprenditoriale e scientifica senza precedenti storici. Tuttavia, vi sono anche altri cinque meccanismi che risultano essere direttamente incompatibili con la sostenibilità. Essi sono:

 Amplificazione dei cicli di boom e di rapida contrazione: le Banche forniscono o negano finanziamenti per gli stessi settori o paesi allo stesso tempo, amplificando così l’attività ciclica verso il boom o la crisi più profonda.                               Tale amplificazione è dannosa per tutti, compreso il settore bancario stesso.  Nel peggiore dei casi, si finisce dove siamo ora: quando le banche smettono di fidarsi a vicenda.

a breve termine il pensiero: ‘ flusso di cassa ridotto’ è una pratica standard in qualsiasi valutazione di investimento . Poiché  il debito in denaro con la banca  genera interessi, l’attualizzazione di tutti i costi futuri o dei redditi tende inevitabilmente a portare a pensare a breve termine.

obbligatoria crescita: Il processo di interesse composto o interessi sugli interessi
impone una crescita esponenziale per l’economia. Ma la crescita esponenziale è, per definizione, non sostenibile in un mondo finito.

Concentrazione della ricchezza: La classe media è scomparsa in tutto il mondo, con la maggior parte della causa della ricchezza che fluisce verso l’alto e l’aumento del tasso di povertà al livello inferiore. Tali disparità genera una vasta gamma di problemi sociali e vanno anche a detrimento della crescita economica. Al di là della questione economica, lo stessa sopravvivenza della democrazia può essere in gioco.

La svalutazione del capitale sociale: il capitale sociale che si costruisce sulla fiducia reciproca e si traduce in azioni di collaborazione è sempre stata difficile da misurare.
Tuttavia, ogni volta che le misurazioni sono state effettuate, rivelano una tendenza per il capitale sociale ad essere eroso, in particolare nei paesi industrializzati. Da recenti studi scientifici emerge che il denaro tende a promuovere comportamenti egoistici e non collaborativi. Questi comportamenti non sono compatibili con una sostenibilità a lungo termine.

Lungi dall’essere un supporto comportamentale neutrale e passivo strumento di scambio, come
 generalmente assunto, il denaro convenzionale plasma profondamente una vasta gamma di modelli di comportamento,
di cui di cui i cinque sopra elencati sono incompatibili con la sostenibilità. 
La continua imposizione di un monopolio di questo tipo di valuta incide quindi direttamente sul futuro dell’umanità e del nostro pianeta.

CAPITOLO VI – La Struttura Istituzionale del Potere

La storia del denaro è intimamente intrecciato con il potere. Lo storico Niall Ferguson mostra come il moderno quadro monetario si è evoluto per finanziare le guerre attraverso l’emergere di quattro istituzioni fondamentali: parlamenti, una burocrazia fiscale professionale, un debito pubblico e le banche centrali. Questa ‘Piazza dei Potere’ è stata ottimizzata in 18° secolo in Gran Bretagna per dare vita al processo di industrializzazione e di un impero globale. Questi stessi accordi monetari sparsi in tutto il mondo stanno diventando la struttura fondamentale in atto praticamente ovunque oggi.

Spesso si assumeche il rapporto tra il sistema bancario e i governi è rimasto immutato per secoli. Uno caso di studio della Francia mostra che questo non è necessariamente il caso. Infatti, sin dal 1973, il governo Francese è stato costretto a prendere in prestito esclusivamente dal settore privato e quindi pagare gli interessi sul nuovo debito. Senza questa modifica, il debito pubblico Francese, ora sarebbe al 8,6% del PIL anziché l’attuale 78%. Per di più, i Trattati di Maastricht e di Lisbona hanno generalizzato questo stesso processo a tutti i paesi firmatari.

Una soluzione radicale  per il governo stesso sarebbe di emettere una moneta che raccoglie più tardi sotto forma di pagamenti fiscali. Questa soluzione è stata conosciuta nel 1930, come il ‘Chicago Plan’. La nazionalizzazione del processo di creazione monetaria limita il ruolo delle banche a semplici mediatori di denaro. Anche se il Piano di Chicago riduce drasticamente la possibilità di futuri collassamenti bancari e subito risolve tutte le crisi del debito sovrano, semplicemente sostituisce un monopolio privato con uno pubblico. Questo non ci porta più vicino all’ecosistema monetario che auspichiamo.

La ‘versione ufficiale’ è che i governi, proprio come ogni famiglia, deve aumentare il denaro necessario per pagare le proprie attività. Ciò avviene  sia mediante entrate ( attraverso la tassazione ) o tramite debito (mediante l’emissione di obbligazioni). In questa storia, le banche semplicemente agire come intermediari raccogliendo depositi e concedendo prestiti con quel denaro ai meritevoli di credito individui e istituzioni, compresi i governi. Tuttavia, dal 1971, quando la valuta avente valore legale – che è, il denaro creato dal nulla – è diventata universale, questa storia è stata una finzione completa.

Il paradigma della valuta avente corso legale fornisce un’interpretazione alternativa di questa storia.
Con la moneta a corso forzoso, lo scopo primario della tassazione è quello di creare la domanda di una moneta
che non altrimenti non avrebbe alcun valore intrinseco. L’obbligo di pagare le tasse solo nella moneta scelta è ciò che dà alla moneta il suo valore. Un governo sovrano può dunque scegliere ciò che a cui vuole attribuire valore imponendolo nella forma di pagamenti fiscali.                                                             I governi possono così determinare il tipo di sforzi che i suoi cittadini devono fare per ottenere valuta determinata.        Anche se questa interpretazione gode di un imponente sostegno accademico, viene ignorata a favore della ‘storia ufficiale’.

Nella ‘storia ufficiale’, i governi sono completamente impotenti di fronte ad un anonimo ed onnipotente ‘mercato finanziario’. Nel paradigma della valuta avente corso legale, data la natura di questa valuta, i governi, concettualmente, potrebbero scegliere di dare valore in parallelo ad altre valute al denaro dato in prestito dal sistema bancario. Ci proponiamo che il raggiungimento dell’obiettivo posto dalle sfide del 21° secolo, richiederà loro di farlo.

CAPITOLO VII – Esempi di Soluzioni di Iniziativa Privata

Nove esempi di sistemi di motivazione innovativi sono presentati in questo e nel prossimo Capitolo.                             Tutti possono lavorare in parallelo con i tradizionali sistemi di debito bancario, utilizzare convenientemente i media elettronici e dovrebbe essere il più trasparente possibile per i propri utenti.                                                                                      Rendendo tali sistemi autodisciplinati, tale trasparenza potrebbe fare molto per la riduzione delle possibili frodi.             I sistemi sono riportati in ordine, a partire dal più semplice e meno controverso e finendo con il più complesso e rivoluzionario.                                                                                                 I primi cinque possono essere avviati privatamente, sia da ONG o imprese.  Essi sono:

  •  Doraland: un sistema proposto per la Lituania, con lo scopo di creare un ‘Distretto per l’ Apprendimento ‘. In un tale sistema tutti possono volontariamente per imparare e / o insegnare, ed essere ricompensati in Doras, una moneta il cui scopo è quello di aiutare le persone realizzare i loro sogni. Il metodo migliore consisterebbe dall’essere attuato da una ONG.

  •  I Tokens benessere: un’iniziativa ONG che lavora in collaborazione con gli operatori sanitari della prevenzione per affrontare i problemi prima ancora che si presentino.  I Tokens benessere ricompensano e incoraggiano comportamenti sani e in tal modo a riducono a lungo termine le spese mediche per la società.

  • Risparmi per la Natura: un prodotto finanziario di risparmio che è pienamente supportato dalla forestazione. Sarebbe una valuta risparmio con una protezione all’inflazione superiore a quella di una qualsiasi moneta nazionale, fornendo al tempo stesso un incentivo per riforestare le aree e creando in questo modo a lungo termine serbatoi di carbonio. Un altra delle sue qualità: funziona bene per le micro-risparmio.

  •  C3: è un sistema Business-to-Business (B2B),  che riduce la disoccupazione fornendo capitale circolante per le piccole e medie imprese. La valuta di compensazione della rete sarebbe pienamente supportata da fatture di alta qualità e convertibile in denaro convenzionale su richiesta. Il settore assicurativo e le banche giocano un ruolo  critico e proficuo in questo sistema. C3S stanno funzionando oggi in Brasile e Uruguay, e quest’ultimo paese accetta C3 in pagamento di tutte le tasse.

  • TRC: i Trade Reference Currency è una proposta di valuta globale B2B che renderebbe profittevole per le aziende multinazionali di pensare a lungo termine, risolvendo così il conflitto tra il breve termine delle priorità finanziarie aziendali e le esigenze sociali e ambientali di lungo termine. Sarebbe a prova di inflazione ed a prova di collasso della valuta globale pienamente supportata da un paniere di beni e servizi rilevanti per l’economia globale. Il TRC sarebbe un  valuta globale diversa da qualsiasi valuta nazionale esistente, riducendo così il rischio di tensioni geopolitiche attorno alle zone di influenza monetaria.


CAPO VIII – Esempi di iniziative governative

I prossimi quattro esempi di sistemi di motivazione innovativi sono iniziative governative iniziate a livello cittadino, regionale o nazionale.    Essi sono:

• I Torekes: un’iniziativa voluta da una città per incoraggiare il volontariato, promuovendo al contempo un comportamento verde e la coesione sociale in un quartiere povero. È entrata in funzione dal 2010 nella città di Gand, in Belgio.    

• Biwa Kippu: una proposta per la Prefettura Biwa in Giappone per finanziare i componenti della manodopera per il ripristino ecologico e la manutenzione del lago Biwa, il lago più antico e più grande in Giappone. Potrebbe essere o volontaria od obbligatoria per le famiglie della zona.

• I Civics: una proposta che abilita una città o una regione per finanziare le attività civiche, senza appesantire i loro bilanci. Queste attività potrebbero fornire la componente del lavoro
per i progetti sociali, educativi e / o ecologico. Tale sistema potrebbe anche assumere la forma di un contributo obbligatorio.

• Gli ECOs: un sistema nazionale o su scala europea che permette di finanziare fondamentali componenti per progetti ecologici su larga scala, come progetti di prevenzione e di adattamento per il cambiamento climatico.                                 Sarebbe una valuta emessa dai governi senza interessi. I governi richiederebbero alle imprese di dare una contributo proporzionale alle loro vendite totali, pagabili solo in ECOs. Questo è la più controversa delle nove proposte, perché sarebbe vista come una nuovo tipo di imposta sulle società sulle più grandi corporations. Tale iniziativa potrà obbligare i governi a ‘dichiarare guerra’ a un cambiamento climatico galoppante.

Non tutti i nove sistemi – cinque pubblici e quattro privati – devono essere attuate prima che i benefici dei diversi ecosistemi monetari inizino a diventare visibili. Ogni
comunità, città, regione o paese può scegliere liberamente quale tipo di sistema implementare. Insieme con una dozzina di altri progetti già in funzione in tutto il mondo, ogni combinazione di nuovi mezzi di scambio darebbe ad un appropriato ecosistema monetario la possibilità di emergere. Alcuni di questi sistemi avrà esito negativo. Tuttavia, proprio come in una foresta, i tipi di maggior successo spontaneamente tendono a diffondersi. Abbiamo ancora molto da imparare, in particolare quali strutture di governance sono più appropriate per ogni tipo di sistema.

CAPITOLO IX – Oltre i limiti alla crescita?

HG Wells ha affermato: “La storia è una gara tra l’educazione e la catastrofe”. La posta in gioco in questa particolare gara non è mai stata così alta come lo è oggi. L’apprendimento sarà
necessario da parte di tutti:
Per le élite di oggi, in particolare le élite finanziarie la lettura delle opere classiche dello storico dell’economia Arnold Toynbee o, più recentemente di Jared Diamond 2 , potrebbe essere rilevante.  

Toynbee attribuì il crollo di ventuno civiltà diverse solo due cause: troppa concentrazione della ricchezza, ed una riluttante élite che arriva fin troppo in ritardo per cambiare le priorità in risposta al mutare delle circostanze.                   Diamond concentra sul degrado ambientale la causa prossima dei collassi delle civiltà.                                                             Attualmente, stiamo forzando contemporaneamente i limiti di tutti e tre queste cause. La storia insegna che anche le élite non sono risparmiate nel collasso di una civiltà.

Per quelli addestrati in economia, l’interruttore mentale necessaria richiesto è di guardare il paradigma implicito negli insegnamenti ricevuti, e confrontarlo con l’approccio
utilizzato nella presente relazione.

Per la popolazione in generale, forse l’apprendimento più importante necessario è capire la non-linearità, specificamente la differenza tra crescita lineare ed esponenziale. Siamo ora di fronte ad un sempre più crescente  mondo non lineare. Cogliere queste diverse dinamiche sarà utile per capire ciò che ci sta accadendo, e che cosa fare al riguardo.

In chiusura, sarebbe ingenuo pensare a sistemi monetari complementari, come una bacchetta magica per risolvere tutti i nostri problemi attuali e futuri. Tuttavia, ripensare il nostro denaro è un ingrediente necessario per una soluzione efficace. Non possiamo più permetterci di trascurare le valute complementari come l’ ‘anello mancante’ in grado di fornire un sistema monetario che promuove la sostenibilità anziché  minarla ogniqualvolta.

______________________

2    Jared  Diamond, Collapse: come le società scelgono di morire o vivere (2005).

Sintesi da Money e Sostenibilità – http://www.triarchypress.com

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s